Riassunto capitolo 38 dei Promessi Sposi

È la stagione dei ritorni: primo a giungere in paese è stato Renzo; da Pasturo torna Agnese, ora torna anche Lucia accompagnata dalla mercantessa, compagna di capanna dentro il lazzaretto. Grande è la gioia generale. La famiglia Tramaglino ora può costituirsi. E per prendere accordi Renzo si reca da don Abbondio: ritiene di dover trovare porte spalancate ma non ha … Continua a leggere

Riassunto capitolo 37 dei promessi Sposi

Renzo ha da poco varcato l’ingresso del lazzaretto, che il tempo quasi sciogliendosi dalla gravezza da tempo imperante sulla città si risolve in un forte temporale. L’acqua veniva a secchie. Ma Renzo non si lascia frenare o distogliere: una nuova, fervida, alacre vita sembra essersi ridestata in lui e lo spinge infaticabile verso il proprio paese. Deve ordinare parecchie cose … Continua a leggere

Riassunto capitolo 36 dei Promessi Sposi

Allontanatosi dal letto di morte di don Rodrigo, con animo molto commosso, con la commozione che ci prende quando pressati dall’impressione dei morti o dei moribondi ci ripieghiamo a pensare a noi e al senso di tutta la vita, Renzo riprende lungo il lazzaretto la sua ricerca di Lucia: come cercare un ago in un pagliaio. Al centro, quasi punto … Continua a leggere

Riassunto capitolo 35 dei Promessi Sposi

L’aria si fa sempre più afosa, il cielo si copre di una coltre di umidità greve, quando Renzo entra nel lazzaretto: un insieme di capanne e di fabbricati posticci, alzati per la circostanza, accanto ad altri in muratura. L’impressione è quella del covile segnato da un vasto brulichio prodotto da sani e malati, da serventi e da folli, impazziti per … Continua a leggere

Riassunto capitolo 34 dei Promessi Sposi

Per entrare a Milano Renzo non incontra particolari difficoltà: basta una moneta per ottenere il rapido consenso della guardia. Se fuori di città ciò che intristisce la campagna, parte incolta e tutta arida, dentro la città impressionano il silenzio e i segni desolanti della peste, che come potenza distruttiva travolge ogni cosa lasciando dietro di sé cadaveri e cenci. Proposito … Continua a leggere

Riassunto capitolo 33 dei Promessi Sposi

La peste la prende anche don Rodrigo: se la scopre addosso una sera tornando da un festino dove aveva celebrato ironicamente il morto conte Attilio. Chiede aiuto al Griso perché chiami un medico: il Griso chiama invece i monatti. Che lo portano al lazza retto. Ma prima del padrone muore fulminato dalla peste anche il Griso. Di peste s’ammala anche … Continua a leggere

Riassunto capitolo 32 dei Promessi Sposi

Le autorità politiche si svegliano e chiedono l’intervento del governatore: almeno le spese per i provvedimenti sanitari le sostenga lo Stato spagnolo. Il governatore risponde che non ci può fare nulla: lui è impegnato nella guerra in modi esclusivi. Ci pensi il vice governatore Ferrer. E questi con tutte le altre autorità non sa altro proporre che il ricorso al … Continua a leggere

Riassunto capitolo 31 dei Promessi Sposi

Si ritira l’esercito ma lascia dietro di sé oltre che le devastazioni un segno negativo di paurosa potenza distruttiva: la peste che allora sembrava essere costantemente presente all’interno degli eserciti. Le prime vittime furono accertate nel territorio di Lecco. Un soldato italiano militante nell’esercito tedesco la porta a Milano. Primo ad accorgersene e a darne l’allarme alle autorità sollecitando interventi … Continua a leggere

Riassunto capitolo 30 dei Promessi Sposi

Nei pressi del castello dell’ Innominato i nostri protagonisti incontrano moltissima gente che come loro è diretta alla dimora di quel galantuomo e ciò infastidisce molto Don Abbondio, il quale teme che ciò possa insospettire i soldati, qualora avessero frugato in tutte le case inutilmente. Agnese dal canto suo continua a guardarsi attorno, quando il carretto attraversa il paesino ai … Continua a leggere

Riassunto capitolo 29 dei Promessi Sposi

All’arrivo devastatore dell’esercito dei lanzichenecchi, alleato degli Spagnoli politicamente e militarmente, ma autentica bufera per la popolazione esposta al saccheggio impunito e a ogni forma di violenza, anche la gente del paese di don Abbondio scappa verso territori ritenuti più sicuri. Deve fuggire anche lui: e Perpetua lo sollecita ad uscire dal torpore e a dare una mano d’aiuto, invece … Continua a leggere